Coordinamento Cittadino Lotta per la Casa

ASSEMBLEA CITTADINA - Solo le lotte possono rimettere in movimento Roma

Roma è ogni giorno sempre più umiliata, colpita al cuore. Una città stretta in una morsa: da un lato una sicurezza che viene agita  sempre più pesantemente come controllo, militarizzazione, chiusura degli spazi di libertà e di movimento; dall’altro l’incuria, l’abbandono, la povertà in cui sprofonda una parte sempre più grande della popolazione. Da una parte il governo Gentiloni – Minniti – Renzi con il suo saccheggio e l’involuzione autoritaria che imprimono al paese. Dall’altra la Giunta Raggi con la sua incapacità di affrontare i problemi della città, con la sua distanza dalla città vera che soffre, si attiva, spera. Due parti che appaiono contrapposte per interesse politico, ma che si toccano in più punti fino a sembrare per certi versi sovrapposte: lo strapotere dei poteri forti -  della finanza e del cemento in particolare -, l’odio per i settori popolari delle periferie, come per i migranti e per i rifugiati, una visione della legalità a senso unico che favorisce solo e soltanto i potenti, diventando radicalmente contrapposta alla giustizia sociale.
 
Una convergenza che si tocca con mano nelle retate e nella caccia al migrante, nella “guerra fra poveri e contro i poveri che viene alimentata ad arte nelle periferie”, negli sgomberi e negli sfratti come unica risposta all’emergenza abitativa e al disagio sociale, nelle ristrutturazioni a tutto vantaggio dei padroni e quindi delle nuove ondate di licenziamenti che coinvolgono diverse realtà produttive da Almaviva, a Tim, all’Alitalia fino all’ACI Informatica ed oltre; tutto questo unito al nuovo assalto all’oro della città, al suo territorio ed alle sue risorse, di cui la manovra di recente avallata con la dichiarazione di interesse pubblico per il nuovo stadio, con la sua colata di cemento su Tor di Valle, rischia di essere soltanto l’’apripista.
 
Di fronte a tutto questo, è necessario riprendere e sviluppare un ragionamento comune e costruire in città una presenza sempre più attiva, conflittuale, anche nella diversità collegata, in grado di colpire insieme quando necessario, ma soprattutto capace di sviluppare una visione radicalmente alternativa della città, di costruirla e strapparla giorno dopo giorno, con indipendenza e autonomia di pensiero ed azione. Per questo proponiamo a tutti, di discutere insieme Venerdì prossimo nella simbolica occupazione di Porto Fluviale.  
A Porto Fluviale perché non dalle parole, ma dalle esperienze concrete si può immaginare di conquistare una città ed un presente diverso, fatto di rigenerazione urbana, meticciato, sicurezze sociali e nuovi diritti.  Il giorno 16 Giugno perché giornata di sciopero generale  e lotta dei lavoratori del settore della logistica e dei trasporti indetto da diverse sigle del sindacalismo conflittuale e di base a fianco dei lavoratori e delle lavoratrici Alitalia. In questo momento perché da qui all’estate si giocheranno diverse difficili partite.
 
Non ultima quella sull’emergenza abitativa, sempre appesa fra possibili sgomberi e possibili vittorie: con la Raggi che tiene in vita la famigerata delibera n. 50 dell’ex commissario Tronca insieme all’applicazione dell’art. 5 che nega utenze e residenze a chi occupa ..bambini e bambine comprese. Con una nuova delibera regionale che stanzia invece circa 30 mln di euro a favore di Roma Capitale e che quindi mette la Giunta capitolina nella condizione di dover - definitivamente - scegliere se applicare il programma straordinario per l’emergenza abitativa della regione prendendo la strada delle soluzioni, oppure continuare a schierarsi a fianco di Minniti, optando per affrontare il problema della casa in termini polizieschi e di  ordine pubblico.
 
VENERDI’ 16 GIUGNO
Alle ORE 17,30  AL PORTO
ASSEMBLEA CITTADINA
 
(via del Porto Fluviale, 12 - zona Ostiense)






- Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua navigazione. Per saperne di più e capire anche come non utilizzarli vedi le informazioni nella nostra Cookie policy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information