Coordinamento Cittadino Lotta per la Casa

#17A, il diritto alla casa è la vera priorità: 5000 in piazza a Roma

 

Venerdì 17 aprile con un grande corteo popolare i movimenti per il diritto all’abitare sono tornati a percorrere le strade del centro di Roma. Oltre 5000 persone hanno dato vita ad una manifestazione vivace, rumorosa e meticcia. Nello stesso tempo, come sempre, determinata nel portare avanti le proprie rivendicazioni di fronte al mondo della politica istituzionale e al nuovo prefetto di Roma Gabrielli.

Il 28 marzo scorso, manifestando sotto al Ministero delle Infrastrutture, eravamo riusciti a riaprire la partita con il Governo e il PD riguardo al cosiddetto Piano Casa dell’ex Ministro Lupi e in particolare all’infame articolo 5, creato ad arte per punire chi occupa, di fatto un’azione spietata di guerra ai poveri.

La partita è dunque riaperta, ma la vittoria non verrà certo da sé, e proprio con questa consapevolezza siamo tornati in piazza in migliaia, sia per sollecitare ulteriormente un percorso che porti alla cancellazione degli effetti devastanti del provvedimento imposto da Lupi e sostenuto dal governo Renzi, sia per dare a modo nostro il “benvenuto” al nuovo prefetto, in modo che sia chiaro fin da subito che la questione abitativa nella nostra città non è una bandiera propagandistica ma una ferita aperta nel corpo vivo della metropoli, che porta migliaia di persone a mobilitarsi in modo pressoché quotidiano e che non può essere liquidata come una questione di ordine pubblico.

Ci pare importante che il prefetto abbia accettato di incontrarci, e lo abbia fatto personalmente. Dalle sue parole abbiamo colto l’intenzione di non procedere ad uno scontro muscolare, ma piuttosto quella di riallacciare dei fili con il mondo della politica nazionale e locale in modo da dare la priorità alle soluzioni politiche rispetto a quelle poliziesche. Staremo a vedere, come sempre vigileremo attentamente e torneremo a mobilitarci come è nella nostra natura, senza aspettare le promesse di nessuno.

Consapevoli del fatto che solo l’intreccio e la moltiplicazione delle lotte possono portare a delle vittorie, oggi, sabato 18, siamo presenti nelle mobilitazioni di Arquata Scrivia contro il terzo valico del Tav e al corteo di Napoli per ricordare Davide Bifolco, così come ci prepariamo per partecipare al meglio alle mobilitazioni contro Expo intorno al 1 maggio a Milano.

I DIRITTI SI CONQUISTANO A SPINTA!!
NO TAV, NO EXPO!!
ABOLIRE L’ARTICOLO 5 SUBITO!!

Movimenti per il diritto all’abitare

- Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua navigazione. Per saperne di più e capire anche come non utilizzarli vedi le informazioni nella nostra Cookie policy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information