Coordinamento Cittadino Lotta per la Casa

Liberi subito i 4 compagni arrestati



 Liberi subito i 4 compagni arrestati

 
Oggi alle 11:30 i movimenti di lotta per la casa hanno occupato la sede del CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica).
Iniziativa organizzata perché in questa sede vengono definiti gli stanziamenti di fondi per il TAV in Val di Susa.
 
Le 400 persone che hanno dato vita all'iniziativa sono state più volte caricate dalla Polizia ed infine spinte fuori dal palazzo di via della Mercede, 9.
 
Alla legittima richiesta di poter proseguire la protesta con un corteo, 35 persone compagni e compagne sono state identificate e fermate ed un compagno è rimasto a terra ferito dalle violente cariche. Poi successivamente arrestato.
 
Un primo bilancio parla di 4 manifestanti arrestati.

 
Contemporaneamente il presidio tendopoli che stava realizzando il Coordinamento Cittadino di Lotta per la Casa presso i palazzi abbandonati di proprietà del demanio pubblico in Via Boglione, 63 (nella periferia Sud di Roma) è stato sgomberato
 
Nel corso dello sgombero di questo presidio di protesta operato dal reparto mobile della Guardia di Finanza sono state identificate tutte le famiglie presenti al presidio. Di tutte queste persone due donne sono state portate al Commissariato Preneste perché in quel momento prive di documenti.
 
Durante lo sgombero è stato più volte ribadito dalle forze dell'ordine che quello che stava avvenendo era in relazione con l'occupazione in corso al CIPE in via della mercede.
 
La giornata di oggi smaschera un clima di neoautoritarismo e di repressione selvaggia che sta prepotentemente avanzando nella nostra città.
 
Il Sindaco Alemanno completamente disinteressato e/o incapace di offrire una qualche soluzione all'emergenza abitativa che è oramai un dramma in questa città riduce tutto ad una questione di ordine pubblico di fatto delegando alla Questura il governo della città.
 
Assemblea Cittadina oggi (Venerdi 9 marzo) Ore 18 al Volturno Occupato - Via Volturno, 37 (Termini)
 
Coordinamento Cittadino di Lotta per la Casa - Roma
http://www.coordinamento.info
@CoordLottaCasa





CASA, 4 ARRESTATI E 33 DENUNCIATI PER BLITZ AL CIPE
OMR0222 3 CRO TXT Omniroma-CASA, 4 ARRESTATI E 33 DENUNCIATI PER BLITZ AL CIPE (OMNIROMA) Roma, 09 MAR - Trentasette persone di cui 4 in stato di arresto sono state denunciate in relazione al tentativo di irruzione verificatosi questa mattina presso la sede del CIPE di via della Mercede. Per tutti il reato contestato è quello di invasione di edifici e occupazione di immobile, mentre per i quattro arrestati è stata contestata anche resistenza, lesioni e oltraggio a pubblico ufficiale. I quattro, infatti, hanno tentato di ostacolare le operazioni di identificazione da parte degli operatori di polizia nei confronti di un gruppo di persone che avevano tentato il blitz e poi bloccate all'esterno della sede istituzionale. Il gruppo aveva tentato di introdursi all'interno dello stabile della Presidenza del Consiglio dei Ministri senza riuscirci, essendo stato immediatamente respinti da un contingente delle Forze dell'Ordine che ha liberato l'ingresso preservando la sede istituzionale. Successivamente i 37 soggetti che per pochi istanti erano riusciti ad entrare all'interno dell'androne senza oltrepassare i tornelli sono stati tutti compiutamente identificati dalle Forze dell'Ordine. Contestualmente, nel corso della mattinata, oltre alla manifestazione della Fiom, per la quale, al fine di contemperare il diritto dei manifestanti con le esigenze della mobilità urbana, il Questore ha disposto l'attuazione delle chiusure del traffico veicolare a vista e limitatamente alle esigenze, contingenti delle Forze dell'Ordine hanno proceduto allo sgombero di un'area che era stata occupata lo scorso 3 marzo determinando l'interruzione dei lavori di riqualificazione in corso. Le operazioni hanno condotto all'identificazione di 33 persone per le quali si sta procedendo alla denuncia per danneggiamento e per invasione di edifici e occupazione di immobili. Nel corso del pomeriggio, invece, per un ulteriore sgombero che era stato pianificato, è stata disposta la sospensione delle operazioni. La valutazione è stata assunta al fine di tutelare l'incolumità degli operatori di Polizia e degli stessi occupanti, considerato tra le altre circostanze anche il sopraggiungere delle ore serali e della scarsa visibilità dell'area. red 091941 MAR 12
FINE DISPACCIO

- Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua navigazione. Per saperne di più e capire anche come non utilizzarli vedi le informazioni nella nostra Cookie policy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information