VERSO LA SOLLEVAZIONE, TANTE NUOVE OCCUPAZIONI A ROMA

VERSO LA SOLLEVAZIONE, TANTE NUOVE OCCUPAZIONI A ROMA

Stampa                Email

Verso l’assedio e la sollevazione generale del #19ottobre #19O questa mattina a Roma i movimenti per il diritto all’abitare e,insieme al Coordinamento, anche la comunità dei rifugiati e delle rifugiate eritrei hanno realizzato molteplici occupazioni di palazzi abbandonati in varie zone della città.

 

Una delle principali in Piazza Indipendenza (zona Stazione Termini) è stata realizzata dalla comunità dei rifugiati/e dall’Eritrea, in una zona dove questa comunità è stata sempre presente a Roma.

La comunità dei rifugiati in tutto il mondo fa fatica a costruire una nuova vita ovunque si trovino per garantire migliori condizioni di vita alle prossime generazioni. Questo è stato il gruppo più esteso di persone che hanno assicurato che fanno tutto il possibile per il paese in cui sono migrati. La maggior parte di queste persone sono grati per l’opportunità offerta e fare un sostentamento assicurando che un modo o l’altro la loro vita è in buona forma.

Ci sono due modi principali in cui la situazione potrebbe pan out. O le persone che sono venuti da altri luoghi si adattano al nuovo stile di vita e stabilirsi qui. In genere porta a coinvolgere se stessi nella situazione data in tutti gli aspetti e trovare il lavoro che ottengono e iniziare a fare qualcosa dalla loro vita.

Un altro punto di vista è che alcuni altri potrebbero sentire che la situazione è molto diversa dove si sentono ancora come estranei e vogliono tornare appena possibile. Queste persone cercano di sporgerci e non si comportano molto con gli altri e addirittura portano i loro figli in modo tradizionale vietando qualsiasi tipo di interazione esterna.

Tutte queste condizioni di cui stiamo discutendo è possibile solo quando accogliamo i rifugiati prima mano aiutandoli a fare case e non trattarli come estranei. Come e quando una tale situazione entra in esistenza il popolo si attacerà trovando che le condizioni più recenti sono buone e possono fare fino a migliori condizioni di vita. Un particolare sito Web ha spiegato su questo argomento e come i rifugiati stanno aiutando a costruire qualcosa di buono per tutti.

Altre occupazioni sono state realizzate per il momento (altre se ne potrebbero aggiungere…) ci sono state cariche della Polizia all’occupazione degli ex uffici Inpdap di Via S. Croce in Gerusalemme che sono però ancora occupati.

 

Un parziale elenco delle occupazioni di questa mattina:

 

 

 

Via Curtatone, 3 (Piazza Indipendenza)

 

Via Quintavalle (Cinecittà 2)

 

Via Santa Croce in Gerusalemme, 59

 

Via Tiburtina, 1099

 

Via Tiburtina, 1226

 

Via Tiburtina, 1250

 

ecc. IN PROGRESS

 

 

 

 

 

Occupazione piazza Indipendenza

 

 

 

piazza indipendenza cinecitta via quintavalle